Dopo il cambiamento di Di Maio verifica doverosa

Ho appena finito di leggere la lunga intervista di Di Maio a Repubblica con la quale apre al PD “Al PD dico sotterriamo l’ascia di guerra e diamo un governo al Paese”. E’ una intervista che rappresenta un cambiamento a 360 gradi della posizione dei 5 stelle. Perfino per un critico come me del grillismo è difficile non condividere molte delle sue affermazioni. Andiamo al nocciolo. Non c’è più un briciolo di arroganza né un prendere o lasciare. Di Maio sostiene che il contratto si scrive sedendosi allo stesso tavolo e trovando insieme una sintesi che risponda ai problemi della gente. Come non essere d’accordo? Ma c’è di più, ad una domanda della giornalista Annalisa Cuzzocrea su come sarà il DEF di Di Maio risponde: “Misure per rilanciare una crescita economica sostenibile rispettosa del benessere sociale dei cittadini ma tenendo il rapporto deficit PIL all’1,5%”. Sogno o son desto? Leggo e rileggo più volte la risposta ed è scritto proprio così. Dunque se non smentisce l’intervista siamo in presenza dell’abbandono della demagogia che ha caratterizzato il movimento dalla sua nascita e del riconoscimento della insostenibilità del suo programma elettorale. E’ legittimo sospettare che sia solo tattica dentro la strategia andreottiana della politica dei due forni. Tuttavia di fronte ad un cambiamento così radicale si ha il dovere di andare a vedere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...