Dopo Brexit e Trump nessuno di voi potrà dire “io non potevo immaginare”

Mentre decidete se andare o meno a votare o su quale simbolo segnare quella croce, ricordatevi la frase famosa di Gramsci e l’anno in cui la scrisse: ” L’illusione è la gramigna più tenace della coscienza collettivala storia insegna, ma non ha scolari. (da Italia e Spagna, L’Ordine Nuovo, 11 marzo 1921, anno I, n. 70). Ma se non conoscete Gramsci e non siete tra gli scolari della storia, che sono anche oggi davvero pochi, pensate almeno all’attualità, a ciò che sta accadendo in queste ore intorno a noi. Non potete non sapere che siamo all’inizio di una vera e propria guerra commerciale innescata dai dazi annunciati da Trump sull’acciaio e sull’alluminio. Un provvedimento che segue di qualche mese una riforma fiscale che ha previsto una tassa alla frontiera per le merci prodotte fuori dagli Stati Uniti. A quella riforma, se così si può definire, rispose subito la Cina, che si sentiva il Paese più minacciato, annunciando la detassazione degli utili investiti dalle imprese straniere spingendo di fatto verso una competizione fiscale al ribasso destinata a rendere ancora più deboli gli stati. Ora è invece l’Europa a reagire per prima annunciando contromisure che potrebbero colpire con una tassa del 25%  i prodotti USA, a partire dai jeans Levi’s  per finire alle Harley Davidson. Per tutta risposta Trump ha annunciato stasera l’intenzione di mettere dazi anche sulle auto europee. No proprio non c’era bisogno di conoscere la storia per capire cosa avrebbe innescato la politica protezionista praticata dalla prima potenza mondiale (anche se la storia ci dice cosa accadde dopo il 1929). E non c’è bisogno di conoscere la storia per immaginare quali saranno le conseguenze di questo processo a catena che sta per partire: un aumento dei prezzi che colpirà il potere d’acquisto dei ceti medio bassi, un aumento dell’inflazione ben oltre quanto è auspicabile per allontanare i rischi di deflazione e una contrazione del commercio internazionale, con il conseguente rischio di una nuova recessione globale, che in questo momento sarebbe devastante anche sul piano dei conflitti internazionali. E’ quello che succede quando la gente vota con la rabbia e con la pancia, quando il malessere spinge a sostenere chiunque assuma posizioni anti establishment, prescindendo dalla credibilità e dalla qualità delle proposte e del personale politico che esprime. Lo stesso era già accaduto con la Brexit. Subito dopo il referendum, prima ancora che si realizzi effettivamente, la Gran Bretagna ha già cominciato a pagare in termini di svalutazione della sterlina, di calo del mercato immobiliare, di potere d’acquisto dei lavoratori e di prospettive di crescita. Tanto che le stesse forze che hanno alimentato sentimenti antieuropei oggi chiedono di posticipare di quattro anni l’effettiva fuoriuscita dalla UE. Ecco ricordatevi di ciò che sta avvenendo intorno a noi qui ed ora. Non c’è bisogno neppure di conoscere la storia per capire che se cambiare si deve non ci sono scorciatoie. Il cambiamento positivo si realizza costruendo con pazienza progetti e classi dirigenti credibili. Scegliere il tanto peggio tanto meglio può far male, molto più male di quello da cui ci si vuole liberare. Anche se non conoscete Gramsci e la storia, dopo la Brexit e dopo Trump nessuno di voi potrà poi dire  “io non potevo immaginare”. Oggi l’Europa, soprattutto se domani l’esito del referendum interno alla SPD darà alla Germania il governo più europeista da molti anni a questa parte, può diventare l’ultimo freno alla deriva populista e nazionalista dell’Occidente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...