Finanziata la progettazione esecutiva per il Recupero idrogeologico a difesa del centro abitato della frazione di S. Angelo in Formis e della Basilica Benedettina”

Il Ministero dell’Interno ha accolto la richiesta formalizzata dal comune di Capua il 15 gennaio del 2020 ed ha concesso, con decreto ministeriale del 7 dicembre del 2020, un finanziamento di 208mila euro per la progettazione definitiva ed esecutiva per il “recupero idrogeologico a difesa del centro abitato della frazione di S. Angelo in Formis e della Basilica Benedettina – Miglioramento delle Caratteristiche di Stabilità e di Sicurezza del territorio”. Si tratta di un primo passo decisivo per poter accedere alle risorse ingenti necessarie per intervenire sul dissesto idrogeologico che interessa da decenni un’area tra le più a rischio dell’intero territorio di Terra di Lavoro. L’intera aerea coinvolta è, infatti, interessata dallo sversamento indisciplinato delle acque meteoriche provenienti dagli impluvi che si aprono da un lato dalla zona della collina di San Iorio, che arriva a rasentare la Basilica Benedettina, dall’altro dal versante opposto del Monte dei Lupi e Monte San Nicola. Alla precarietà di un territorio naturalmente esposto a fenomeni erosivi bisogna poi aggiungere l’attività incontrollata dell’uomo. Le cave dismesse, ad esempio, contribuiscono ad accrescere il degrado, mentre strade e sentieri – realizzati per accedere ai fondi agricoli senza le necessarie opere di regimentazione e di difesa del suolo – da un lato e l’estensione del nucleo abitato della frazione di Sant’Angelo dall’altro – cresciuto senza tenere in alcun conto lo sbocco al fiume Volturno delle acque raccolte nelle cave o provenienti dal sistema montano – incidono in modo devastante sulle condizioni di stabilità del territorio. Una situazione di precarietà che causa spesso allagamento delle aree edificate con trasporto di materiale solido. Il rischio è che, con il crescere di fenomeni estremi in conseguenza dei cambiamenti climatici, si possano innescare fenomeni franosi in corrispondenza delle abitazioni con gravi danni per persone e cose. E’ opportuno aggiungere, per fornire un quadro completo della situazione del Borgo medievale, che – in occasione dei crolli di strutture adiacenti all’Arco di Diana, nei pressi della Basilica Benedettina, avvenuti nel 2018 – il tavolo tecnico istituito presso la prefettura di Caserta ha incaricato l’Universita Vanvitelli ed il CNR di condurre delle ricerche sulle strutture e sull’area interessata. Lo studio dell’Università ha rivelato come allo stato di vetustà e di degrado manutentivo delle strutture interessate si sono sovrapposti fattori “cinematici attivi (rotazione rispetto alle basi di prospetti sud – est)”. Il monitoraggio effettuato dall’Istituto di rilevamento elettromagnetico dell’ambiente del Consiglio Nazionale delle Ricerche ha rilevato, inoltre, il movimento in atto presente nella collina a monte del centro abitato di Sant’Angelo, attraverso la “deformazione ascendente e discendente lungo la linea di vista del sensore stimata sul dataset COSMO – Sky”, con spostamenti significativi “in corrispondenza della cava di pietre nord – est del Borgo”. Uno studio di fattibilità redatto dall’ufficio tecnico del comune di Capua, alla luce di queste prime verifiche, sottolinea la necessità di analisi approfondite da porre a base di ulteriori fasi progettuali necessarie per la messa in sicurezza dell’area e delle preesistenze storiche architettoniche e paesaggistiche. Una prima stima degli interventi necessari per l’eliminazione delle situazioni di pericolo per il centro abitato della frazione, la messa in sicurezza del territorio a monte della Basilica Benedettina, la creazione di strutture capaci di disciplinare il normale deflusso delle acque meteoriche, la messa in sicurezza di tutte le zone soggette a movimenti franosi, indica una spesa di oltre sette milioni di euro. Un investimento non alla portata del bilancio comunale che tuttavia è possibile attivare reperendo risorse nazionali e regionali per la difesa del suolo. La condizione per accedere a queste risorse è la predisposizione di un progetto definitivo ed esecutivo che ha anch’esso un costo elevato, dal momento che necessita di studi complessi fondati su indagini di per sé costose e di una stretta interazione tra ingegneria geotecnica, idraulica e geologica. L’importanza del finanziamento che l’amministrazione comunale è riuscita ad ottenere sta proprio nella consapevolezza che una idonea progettazione esecutiva è propedeutica a qualsiasi ipotesi di finanziamento adeguato ad affrontare la problematica in modo esaustivo e necessariamente organico e globale. Il 5 marzo è stata pubblicata sulla Gazzetta ufficiale la procedura aperta per l’affidamento dei servizi tecnici di progettazione riguardanti il recupero idrogeologico del centro abitato della frazione di Sant’Angelo e della Basilica Benedettina. Il 7 aprile alle 12,00 scadono i termini per la presentazione delle offerte ed è ragionevole auspicare che entro il 2021 il Comune di Capua disponga dello strumento tecnico indispensabile per chiedere i finanziamenti necessari alla risoluzione di uno dei più seri problemi di sicurezza e di salvaguardia del territorio comunale, dopo decenni di immobilismo. Ovviamente questo non soddisferà i profeti del tutto e subito, convinti che anche i problemi più complessi possono essere risolti con la bacchetta magica o, magare, premendo qualche bottone di comando di cui pensano sia dotata la cabina di regia. Tuttavia è certamente una buona notizia per chi ha a cuore il futuro della città ed è consapevole di quanto complicato e arduo sia il cammino del progresso.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...