Via stretta per Conte tra richieste contrapposte di continuità e di svolta

L’incarico di formazione del nuovo governo è stato accettato con riserva. È prassi si dirà. Ma stavolta l’esito non è per nulla scontato. Conte ha davanti a sé una strada stretta anche perché comunque si chiuderà la partita essa avrà delle conseguenze decisive sulle leadership dei due maggiori partiti di maggioranza e, per chi sa guardare oltre la facciata, anche per i rapporti interni all’opposizione di centrodestra. Di Maio e Zingaretti all’uscita dalle consultazioni con Mattarella hanno detto cose opposte. Zingaretti ha chiesto un governo di svolta. Di Maio, che ha affermato in modo esplicito di non voler rinnegare il lavoro fatto con la lega, ha chiesto continuità con quanto avviato dopo il voto del 4 marzo del 2018. Le due cose non possono stare insieme per ragioni evidenti. Il PD non può accettare: un governo che non si impegni a cancellare le leggi sulla sicurezza approvate con Salvini; una finanziaria che non cancelli l’idea di fare assistenza elettoralista finanziandola con il deficit e non punti invece sulla crescita; una rinuncia al piano di investimenti in infrastrutture e opere pubbliche già messo in campo dai governi Renzi e Gentiloni, necessario per modernizzare l’Italia e per spingere in avanti il PIL e l’occupazione. Tre punti di discontinuità molto netti. Conte nelle sue prime dichiarazioni ha messo l’accento sulla novità riformatrice del nuovo governo. Si vedrà presto perché sarà sul programma, a partire dagli impegni sulla nota di aggiornamento del DEF che va presentata entro fine settembre alla UE, che si capirà quale delle due sostantivi caratterizzerà il profilo politico dell’esecutivo che il presidente incaricato porterà al presidente della Repubblica. Se sarà un profilo di continuità arriveranno guai seri per il PD e per la credibilità del nuovo corso di Zingaretti, se prevarrà un profilo di svolta si completerà quel passaggio di leadership nei 5 stelle, da Di Maio a Conte, già rivelato dall’intesa con l’Europa sui conti pubblici, dal voto 5 stelle alla nuova Commissaria UE Von der Leyen, dalla scelta di chiudere definitivamente con il forno leghista. Grillo è già sceso in soccorso di Conte con l’indicazione, proposta sul suo blog, di scegliere ministri tecnici, che suona come uno stop alla pretesa di Di Maio di continuare ad occupare la poltrona di Vicepremier, il quale non si rassegna e brandisce, dopo aver perso il sostegno del gruppo parlamentare, il passaggio della piattaforma Rousseau, l’ultima arma di ricatto che gli è rimasta. Bisogna dirsi tuttavia una verità. Se governo di svolta ci sarà il suo successo dipenderà non solo da un programma conseguente ma soprattutto dalla sua capacità di sapersi muovere in Europa per spingere verso un superamento della politica di austerità e una maggiore integrazione politica. Nel mondo di oggi, infatti, un paese come il nostro vince o perde la partita del futuro non solo sulla base della politica interna ma soprattutto su quella che riesce gioca nel contesto europeo. È quello che Salvini non ha capito e che sta pagando in questi giorni. Può sembrare paradossale, pensando al 34 per cento che la lega ha conquistato nelle elezioni europee, affermare che la strategia di Salvini è stata sconfitta nelle urne. Ma è la realtà. Non basta vincere nel tuo Paese se perdi in Europa. il Mondo di oggi è questo non quello degli anni cinquanta. Ecco perché se il governo di svolta si farà – e se saprà rappresentare una novità, rispetto a tutti i governi precedenti, soprattutto nel contesto dell’Unione Europea – potrà cambiare i connotati anche all’opposizione. Ora è troppo presto per poterlo dire. Ma è questa la vera partita che si sta giocando.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...